[Italian] Cerco guida italiana

Dansk, Nederlands, Italian
User avatar
Sylvia
Posts: 6
Joined: Sat Aug 15, 2020 4:21 pm

[Italian] Cerco guida italiana

Postby Sylvia » Sat Aug 15, 2020 4:25 pm

LU is focused guiding for seeing there is no real, inherent 'self' - what do you understand by this?
that the me that I think I am is just a mental construction

What are you looking for at LU?
A guide to help me see how things really are beyond mental constructions...
A guide to help me see my mental traps and fears that keep me from going beyond a simple mental understanding...
A guide to help me to going beyond my festa..

What do you expect from a guided conversation?
I expect to be able to slowly drop all the illusions about reality
As I wrote above I think I have more or less understood mentally ..
Once I thought this would be enough for me, now I think we need to go further

What is your experience in terms of spiritual practices, seeking and inquiry?
Brooks and satsang advaita

On a scale from 1 to 10, how willing are you to question any currently held beliefs about 'self?
10

User avatar
Ronaldo
Site Admin
Posts: 102
Joined: Tue Nov 12, 2019 10:06 am
Location: New England, USA

Re: [Italian] Cerco guida italiana

Postby Ronaldo » Thu Aug 27, 2020 1:55 am

Ciao Silvia, e benvenuto in Liberation Unleashed!
Il mio nome è Ron e posso essere la tua guida e aiutarti con la tua richiesta.

Userò Google Translate per comunicare, quindi scusa gli errori e l'uso sbagliato della seconda e terza persona o dei verbi maschili femminili! Sarà divertente ne sono sicuro. Inoltre potrebbe volerci un po 'più di tempo per rispondere.

Non ti insegnerò niente. Insegnare implica che tu stia imparando, acquisendo nuove conoscenze, accettando ciò che è stato insegnato e assumendo che sia corretto e vero. Sia che ti venga insegnato da un insegnante, che tu abbia letto libri o testi vari, o persino sviluppato la tua versione modificata, è comunque qualcosa che finisci per accettare, credere.

In questa indagine, le credenze ostacolano il vedere ciò che è reale. Non ci si aspetta che tu mi creda sulla parola, mai. Tutto ciò che dico non è assolutamente vero, indica semplicemente qualcosa che devi guardare, convalidare o respingere per te stesso. Non c'è nessuno tranne te che può farlo; Non posso fare quel lavoro per te e nessun guru o saggio può mostrartelo, è la tua richiesta e devi guardare e sperimentare tutto direttamente. È un impegno che richiede vivo interesse e curiosità. Non funzionerà se ti manca.

Guardare è semplice, eppure siamo tutti abituati a pensare, e quindi può creare confusione. Guardare è sempre fatto proprio adesso, in questo preciso momento, è essere consapevoli del suono, del gusto, dell'olfatto, della sensazione e dei colori (immagini) per vedere ciò che è realmente presente - l'esperienza reale. Inoltre si nota anche il pensiero (i) - non pensare, ma notare tutti i pensieri come appaiono. I pensieri ti allontaneranno dal guardare direttamente, ma con uno sguardo continuo e costante svelerai inevitabilmente il trucco che giocano nel creare l'illusione di un "io". Quando stai sperimentando il contenuto dei pensieri, non ci può essere guardare, c'è il contenuto del pensiero. Questo è il motivo per cui questa indagine non potrà mai essere raggiunta tramite il pensiero, tramite l'apprendimento ed è per questo che tutto questo sforzo è per lo più futile.


È chiaro cosa si intende per guardare?
È chiaro perché il pensiero non ti aiuterà a rivelare l'illusione del sé?


Sei ancora interessato a farlo?
Per favore dimmi come cambierà la tua vita, cosa ti aspetti che succeda?


Nota: utilizza la funzione di citazione attorno alle mie domande quando rispondi,
Seleziona semplicemente il testo e fai clic sul pulsante "Citazione" sopra il campo di modifica del testo
Per una demo vedere https://www.youtube.com/watch?v=-fAToDNh9hQ
The truth is simple. If it was complicated, everyone would understand it. - Walt Whitman

User avatar
Sylvia
Posts: 6
Joined: Sat Aug 15, 2020 4:21 pm

Re: [Italian] Cerco guida italiana

Postby Sylvia » Fri Aug 28, 2020 11:47 am

Ciao Ron grazie mille per la tua disponibilità!!!
È chiaro cosa si intende per guardare?
Sì è chiaro, tuttavia sono sicura che cascherò molte volte nel guardare col pensiero, dato che è una vita che lo faccio. È una abitudine molto radicata in me, sono molto mentale, quindi ti chiedo scusa in partenza se dovrai avere un po'più di pazienza nel farmi accorgere di questo.
È chiaro perché il pensiero non ti aiuterà a rivelare l'illusione del sé?
Sì, perché è il pensiero che crea l'illusione e allontana dalla verità
Sei ancora interessato a farlo?

Per favore dimmi come cambierà la tua vita, cosa ti aspetti che succeda?
Mi aspetto un cambio di prospettiva, da quella spaventosa/spaventata di Silvia a quella della fine della ricerca con il raggiungimento della consapevolezza costante della verità.
P.s = sento che questo mi fa paura

Grazie di cuore Ron!!!

User avatar
Ronaldo
Site Admin
Posts: 102
Joined: Tue Nov 12, 2019 10:06 am
Location: New England, USA

Re: [Italian] Cerco guida italiana

Postby Ronaldo » Sat Aug 29, 2020 2:54 am

Ciao Silvia,
Sono contento che tu voglia continuare :)
Sì è chiaro, tuttavia sono sicura che cascherò molte volte nel guardare col pensiero, dato che è una vita che lo faccio. È una abitudine molto radicata in me, sono molto mentale, quindi ti chiedo scusa in partenza se dovrai avere un po'più di pazienza nel farmi accorgere di questo.
Non preoccuparti, sono anche un pensatore intellettuale e non è stato facile vedere attraverso i pensieri per un po '. Non sono sicuro che "mentale" significhi "intellettuale" - (cercando di dare un senso a tutto) in italiano, quindi per favore spiega se intendi qualcos'altro.

Mi aspetto un cambio di prospettiva, da quella spaventosa/spaventata di Silvia a quella della fine della ricerca con il raggiungimento della consapevolezza costante della verità.

Si può dire che un cambio di prospettiva è proprio quello che stiamo cercando.

Tuttavia, i cambiamenti nella personalità di solito non avvengono in un istante, anche dopo la realizzazione del non sé, questi strati non cadono semplicemente. Può volerci una vita per cambiare. D'altra parte è decisamente più facile lavorare su questioni di personalità una volta che il sé è stato visto attraverso.

Devo anche deludervi con l'aspettativa che ci sia una costante consapevolezza della verità. Sì, in qualsiasi momento sarai in grado di vedere la verità, ma ciò non significa che non ti perderai nei pensieri e non ti sentirai come un sé separato. Ci vogliono anni o una vita dopo il primo risveglio.

P.s = sento che questo mi fa paura
La paura è molto comune quando indaghi su questi argomenti, quindi sei in buona compagnia. È importante non ignorare nulla di ciò che è stato sperimentato, quindi continua a farmi sapere come ti senti in qualsiasi momento della nostra conversazione.

Puoi mettere in pausa o interrompere questa indagine in qualsiasi momento se ti senti a disagio e farò del mio meglio per permetterti di impostare il ritmo.

Bene, ora diamo uno sguardo più da vicino a questa paura.

Diresti che la paura sembra essere correlata a pensieri specifici?
Puoi dirmi quali pensieri sembrano sollevarli?


Spero che questo non sia stato troppo per te. Sei abbastanza al sicuro, non lasciare che le storie che potresti aver letto ti influenzino, sono solo storie. Sono qui per mostrartelo.

Cari saluti
Ron
The truth is simple. If it was complicated, everyone would understand it. - Walt Whitman

User avatar
Sylvia
Posts: 6
Joined: Sat Aug 15, 2020 4:21 pm

Re: [Italian] Cerco guida italiana

Postby Sylvia » Sun Aug 30, 2020 12:28 am

Ciao Ron e grazie ancora!
Non sono sicuro che "mentale" significhi "intellettuale" - (cercando di dare un senso a tutto) in italiano, quindi per favore spiega se intendi qualcos'altro.
Intendo sia questo che dici te, sia che la mia attenzione è continuamente catturata da un flusso costante di pensieri.
Questo fa passare in secondo piano l'esperienza diretta facendo sembrare più reale il contenuto dei pensieri.
La mia vita si svolge prevalentemente nella mia testa (passami la metafora) e sento una certa resistenza nello "scendere" nel piano dell'esperienza diretta.

Per il resto che mi scrivi riguardo alle aspettative.. ok, proverò ad abbandonarle o per lo meno a rimanere cosciente e consapevole di quello che mi hai detto :-)
Diresti che la paura sembra essere correlata a pensieri specifici?
Sì sicuramente è legata al dolore di "farmi il funerale"
Anche se ho capito a livello concettuale... Rimane pur sempre un concetto, non la prospettiva dalla quale vivo. Rendermi conto sul serio che non esisto mi fa paura e male. Come la morte appunto di una persona molto cara.
Poi c'è la paura legata al pensiero che non essendoci più un'ego a tenere a freno, potrei fare qualcosa di matto o cambiamenti drastici che potrebbero fare soffrire chi mi ama..
Grazie per tutte le tue rassicurazioni! :-):-)

User avatar
Ronaldo
Site Admin
Posts: 102
Joined: Tue Nov 12, 2019 10:06 am
Location: New England, USA

Re: [Italian] Cerco guida italiana

Postby Ronaldo » Sun Aug 30, 2020 3:30 am

Ciao Silvia,
ok, proverò ad abbandonarle o per lo meno a rimanere cosciente e consapevole di quello che mi hai detto :-)
Sì, ogni aspettativa e ogni convinzione che hai è un ostacolo alla realizzazione, è meglio venire come una tabula rasa, non sapere niente e non aspettarti nulla, più facile a dirsi che a farsi..

La mia vita si svolge prevalentemente nella mia testa (passami la metafora) e sento una certa resistenza nello "scendere" nel piano dell'esperienza diretta.
Hai ragione sul fatto che i pensieri ti portano via dal momento, dall'esperienza di ciò che è veramente adesso, e in un mondo di fantasia, è fantastico che tu lo veda. Ma i pensieri non sono il cattivo e come già sai, non puoi combatterli, ciò a cui resisti persiste. Ci sono alcune cose che puoi fare per fermare il flusso dei pensieri, ad esempio adottando alcune abitudini nuove e molto semplici.
Quando bevi il tuo caffè (sei italiano, devi bere il caffè) - chiudi gli occhi, dai tutta la tua attenzione all'aroma, poi assaggialo lentamente, senza analisi, senza taggare "oggi ha un sapore amaro", resta con il gusto.
Quando ti lavi i denti, fai una doccia, bevi un bicchiere di acqua fredda - quando ricordi - concentrati solo su quei sensi. Lo fai ancora e ancora, è bellissimo, aggiunge colore e vitalità a tutto, alla tua vita. Ti ricorderai lentamente di farlo più spesso usando segnali del genere, proprio come qualsiasi altra abitudine che prendi.

Un altro trucco è scoprire se stessi avendo qualsiasi resistenza, qualsiasi frustrazione, ogni momento di lamentela o irrequietezza - quando ciò accade, sei nel mondo del pensiero. Quando questo viene realizzato, c'è spesso un nuovo pensiero - questa volta condannando il primo pensiero "ah! L'ho fatto di nuovo", "Non dovrei lamentarmi", "Non imparerò mai" - è solo più pensare, quello che tu è praticare l'accettazione, accettare di avere pensieri, tutti. Quelli fastidiosi, quelli che giudicano, le preoccupazioni e quelli stressanti - li tratti come tratteresti un bambino piccolo che dice "guardami! Senza mani!" - sorridi, dagli una pacca sulla testa, non sei molto colpito ma lascia stare.

Sì sicuramente è legata al dolore di "farmi il funerale"
Anche se ho capito a livello concettuale... Rimane pur sempre un concetto, non la prospettiva dalla quale vivo. Rendermi conto sul serio che non esisto mi fa paura e male. Come la morte appunto di una persona molto cara.

Sì, capisco quello che dici, ho anche provato una paura e un disagio molto simili. Ma queste paure si basano su false credenze e aspettative non realistiche. Prima di tutto, quello che chiamiamo ego non morirà o svanirà, rendersi conto che Silvia è un pensiero non impedisce al pensiero di sorgere. Silvia non se ne andrà né diventerà una verdura italiana. I tuoi amici, famiglia e quelli che ti amano potrebbero non accorgersi nemmeno di nulla, forse solo che Silvia sembra più calma e accogliente ...

Se senti la paura che deriva da questo processo, vorrei chiederti di sederti in silenzio e sollevare un pensiero che causa disagio, prendere qualcosa con cui puoi affrontare, che non sia opprimente. Ora inizi a notare:
c'è una sensazione nel tuo corpo?
Dov'è e come ci si sente?
Quando ti concentri solo sulla sensazione e rimuovi il tag "Non mi piace" o "Mi sento a disagio", cosa rimane? È davvero così male in sé?

- così ti siedi lì, non entri più nei pensieri, ma ti concentri solo sul corpo, sulla sensazione, lasci che tutto ti attraversi senza alcuna resistenza, non resisti e non entri nei pensieri ma continui a sentire il tuo corpo , potresti anche sorridere un po 'e vedere cosa succede.


Fammi sapere come va :)
Ron
The truth is simple. If it was complicated, everyone would understand it. - Walt Whitman

User avatar
Sylvia
Posts: 6
Joined: Sat Aug 15, 2020 4:21 pm

Re: [Italian] Cerco guida italiana

Postby Sylvia » Mon Aug 31, 2020 12:25 am

Ciao Ron!
Quando bevi il tuo caffè (sei italiano, devi bere il caffè) - chiudi gli occhi, dai tutta la tua attenzione all'aroma, poi assaggialo lentamente, senza analisi, senza taggare "oggi ha un sapore amaro", resta con il gusto.
Quando ti lavi i denti, fai una doccia, bevi un bicchiere di acqua fredda - quando ricordi - concentrati solo su quei sensi. Lo fai ancora e ancora, è bellissimo, aggiunge colore e vitalità a tutto, alla tua vita. Ti ricorderai lentamente di farlo più spesso usando segnali del genere, proprio come qualsiasi altra abitudine che prendi.
Hai indovinato! Bevo caffè, anche troppo 😄
Comunque ho cominciato a farlo ogni volta che mi ricordo, devo dire che è molto difficile bypassare l'etichetta e non mi riesce spesso.. ma in un paio di occasioni l'esperienza ha assunto una qualità diversa..
Un altro trucco è scoprire se stessi avendo qualsiasi resistenza, qualsiasi frustrazione, ogni momento di lamentela o irrequietezza - quando ciò accade, sei nel mondo del pensiero. Quando questo viene realizzato, c'è spesso un nuovo pensiero - questa volta condannando il primo pensiero "ah! L'ho fatto di nuovo", "Non dovrei lamentarmi", "Non imparerò mai" - è solo più pensare, quello che tu è praticare l'accettazione, accettare di avere pensieri, tutti. Quelli fastidiosi, quelli che giudicano, le preoccupazioni e quelli stressanti - li tratti come tratteresti un bambino piccolo che dice "guardami! Senza mani!" - sorridi, dagli una pacca sulla testa, non sei molto colpito ma lascia stare.
Ok ! :-)
Sì, capisco quello che dici, ho anche provato una paura e un disagio molto simili. Ma queste paure si basano su false credenze e aspettative non realistiche. Prima di tutto, quello che chiamiamo ego non morirà o svanirà, rendersi conto che Silvia è un pensiero non impedisce al pensiero di sorgere. Silvia non se ne andrà né diventerà una verdura italiana. I tuoi amici, famiglia e quelli che ti amano potrebbero non accorgersi nemmeno di nulla, forse solo che Silvia sembra più calma e accogliente ...
Ok grazie delle rassicurazioni :-)
Se senti la paura che deriva da questo processo, vorrei chiederti di sederti in silenzio e sollevare un pensiero che causa disagio, prendere qualcosa con cui puoi affrontare, che non sia opprimente. Ora inizi a notare:
c'è una sensazione nel tuo corpo?
Sì assolutamente
Dov'è e come ci si sente?
Una specie di contrazione che parte dall'addome e si irradia al resto del corpo
Mi sento minacciata e non al sicuro
Quando ti concentri solo sulla sensazione e rimuovi il tag "Non mi piace" o "Mi sento a disagio", cosa rimane?
Rimane una percezione indefinita nel corpo
È davvero così male in sé?
Quando riesco a mettere da parte l'etichetta, la risposta è che è solo una percezione, né bella né brutta
così ti siedi lì, non entri più nei pensieri, ma ti concentri solo sul corpo, sulla sensazione, lasci che tutto ti attraversi senza alcuna resistenza, non resisti e non entri nei pensieri ma continui a sentire il tuo corpo , potresti anche sorridere un po 'e vedere cosa succede.
Per me tutto questo è molto difficile, il flusso di pensieri continua a portarmi via ancora e ancora e stare con le percezioni è una cosa che mi crea molta resistenza...
Questione di allenamento immagino :-)
Grazie di tutti i tuoi preziosi consigli!! :-)

User avatar
Ronaldo
Site Admin
Posts: 102
Joined: Tue Nov 12, 2019 10:06 am
Location: New England, USA

Re: [Italian] Cerco guida italiana

Postby Ronaldo » Mon Aug 31, 2020 3:11 am

Ciao cara Silvia,
Mi sento minacciata e non al sicuro
Hai idea del perché ci sia resistenza quando "entri nel corpo"? C'è resistenza quando ti concentri solo sul gusto e sull'odore del caffè?

ma in un paio di occasioni l'esperienza ha assunto una qualità diversa..
Hai fatto bene, mi mostri che puoi vedere chiaramente i pensieri dalle sensazioni, ed è anche chiaro cosa ti ostacola. Per il momento concentriamoci solo sui pensieri piacevoli o naturali e sperimentiamo ciò che li distingue dall'esperienza reale. Non c'è nulla di cui preoccuparsi qui, è tutto molto benigno :)


Ecco un semplice esercizio, un gioco di finzione contro realtà (proprio come facevi quando eri piccola e facevi un tè festicciola). Ricorda che miriamo a sperimentare e non a pensare, quindi anche se sembra sciocco, fallo con curiosità.

1. Raccogli un po 'di frutta, preferibilmente aromatica e succosa, un pezzo di mela è eccellente - un alimento che conosci molto bene.
2. posizionalo sul tavolo di fronte a te.
3. Con gli occhi chiusi, fingi di raccoglierlo lentamente, sentirlo, annusarlo, metterlo in bocca. Masticalo lentamente e assaggia il frutto finto, porta dentro tutta la tua incredibile memoria e ogni briciola della tua immaginazione! Senti la consistenza e il gusto, finalmente ingoia questo frutto immaginato.

Nella tua esperienza più semplice e immediata di annusare e gustare il frutto falso :.

Di cosa è fatto l'odore immaginato? (Cos'è quello?)
Di cosa è fatto il gusto immaginato?


4. Prendete il frutto vero, annusatelo per davvero, mettetelo in bocca, gustatelo attentamente, masticatelo e infine inghiottitelo.

Descrivi l'odore e il sapore reali
Descrivi la vera consistenza.
La tua descrizione verbale è simile all'esperienza reale?


Quando confronti le due esperienze, una fatta di pensieri e immaginazioni sul mangiare questa mela, sul mangiare la mela, quali sono le tue conclusioni?

Grazie di tutti i tuoi preziosi consigli!! :-)
sei la benvenuta :)
The truth is simple. If it was complicated, everyone would understand it. - Walt Whitman

User avatar
Sylvia
Posts: 6
Joined: Sat Aug 15, 2020 4:21 pm

Re: [Italian] Cerco guida italiana

Postby Sylvia » Mon Aug 31, 2020 10:54 pm

Ciao Ron :-)
Hai idea del perché ci sia resistenza quando "entri nel corpo"? C'è resistenza quando ti concentri solo sul gusto e sull'odore del caffè?
Sentì, in generale c'è resistenza per qualunque cosa mi proponi che mi richieda di uscire dal pensiero o comunque dalla testa ( il mio regno ) e credo che abbia a che fare col controllo.

Per quanto riguarda il corpo c'è molta più resistenza però..
Forse perché è lì che sento il dolore delle emozioni..
Nella tua esperienza più semplice e immediata di annusare e gustare il frutto falso :.

Di cosa è fatto l'odore immaginato? (Cos'è quello?)
Pensiero
Di cosa è fatto il gusto immaginato?
Pensiero
Prendete il frutto vero, annusatelo per davvero, mettetelo in bocca, gustatelo attentamente, masticatelo e infine inghiottitelo.

Descrivi l'odore e il sapore reali
Succosa, dolce con una punta di aspro
La tua descrizione verbale è simile all'esperienza reale?
Scusami non sono sicura di aver capito cosa mi chiedi
Quando confronti le due esperienze, una fatta di pensieri e immaginazioni sul mangiare questa mela, sul mangiare la mela, quali sono le tue conclusioni?
L'esperienza reale è data dalle percezioni sensoriali, l'esperienza reale non ha bisogno del pensiero per esistere

Grazie :-)

User avatar
Ronaldo
Site Admin
Posts: 102
Joined: Tue Nov 12, 2019 10:06 am
Location: New England, USA

Re: [Italian] Cerco guida italiana

Postby Ronaldo » Tue Sep 01, 2020 2:01 am

Ciao Silvia,
Chiedevo della resistenza che senti quando entri nel corpo per assicurarti che non sia associato a traumi, non ho la capacità di affrontare questi problemi.

Le tue risposte sono state brevi, quindi non sono sicuro che tu abbia davvero messo il tuo cuore nell'esperimento della mela (e so che sembra sciocco), quando fatto bene, c'è una chiara realizzazione viscerale della differenza assolutamente viscerale tra i due. L'esperienza sensuale grezza e il pensiero di quell'esperienza, il gusto reale in contrasto con il gusto immaginato.

Quando ho chiesto se le tue parole possono descrivere l'esperienza di mangiare una mela, quello che volevo dire è che le parole non possono catturare affatto l'esperienza, c'è solo l'etichettatura che è senza vita e svanisce al confronto.

La ragione di questa differenza è dovuta a un imperfetto richiamo alla memoria?
Può un ricordo perfettamente fresco essere come la vera sensazione?

Facciamolo in ordine inverso:
Prendi un bicchiere di acqua fredda o succo di frutta e bevi un sorso lento e consapevole, senti la freddezza, il liquido in bocca e il gusto, affidalo alla memoria.
Ora che il ricordo è fresco, bevi un sorso immaginario di acqua fredda, prova davvero a renderlo reale.


Sei d'accordo che l'esperienza reale non è per niente come quella immaginata?
Sei d'accordo sul fatto che se provi a descrivere il gusto o la sensazione, non puoi mai effettivamente catturarlo a parole?
Perché?


Quello che hai sperimentato qui è il pensiero-gusto, il pensiero-odore e il vero gusto e vero odore.

Si è visto che i pensieri non sono la vera esperienza? Che i pensieri sono percezioni sensoriali immaginate?

Abbiamo pensieri per tutti i 5 sensi e ci sono pensieri che puntano ad altri pensieri, tutte le storie e le fantasie sono fatte di questi semplici elementi.

Vedete, il cambiamento nella percezione è dalla ricerca di "qualcosa" al guardare ciò che è, e questo è disponibile in ogni momento.

Come ti senti riguardo a tutto questo?

Ron
The truth is simple. If it was complicated, everyone would understand it. - Walt Whitman

User avatar
Sylvia
Posts: 6
Joined: Sat Aug 15, 2020 4:21 pm

Re: [Italian] Cerco guida italiana

Postby Sylvia » Tue Sep 01, 2020 10:04 pm

Ciao Ron, mi sono resa conto di non avere la spinta necessaria per fare questa cosa ora, quindi preferirei interrompere... Ti chiedo scusa per il tempo che ti ho fatto perdere e grazie infinite per le attenzioni che mi hai dedicato!
Un abbraccio
Silvia

User avatar
Ronaldo
Site Admin
Posts: 102
Joined: Tue Nov 12, 2019 10:06 am
Location: New England, USA

Re: [Italian] Cerco guida italiana

Postby Ronaldo » Tue Sep 01, 2020 10:59 pm

Ciao Silvia,
È perfettamente compreso. Grazie per avermi fatto sapere.

Ti auguro il meglio!
Ron
The truth is simple. If it was complicated, everyone would understand it. - Walt Whitman


Return to “Other Languages”

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest