Guida in lingua italiana?

Dansk, Nederlands, Italian
User avatar
nippur72
Posts: 7
Joined: Mon Oct 20, 2014 1:35 pm

Guida in lingua italiana?

Postby nippur72 » Wed Oct 22, 2014 11:15 am

Cerco guida in lingua italiana che mi aiuti a liberarmi dall'illusione dell'io.

Breve riassunto su di me e del mio stato attuale:

Sono in modalità "ricerca spirituale" da circa 15 anni, nei quali ho passato in rassegna tutte le varie religioni e le tecniche possibili (senza peraltro mai concludere niente di significativo).

Da qualche anno mi interesso di Advaita Vedanta e cerco di ripercorrere la strada di Nisargadatta, cioè risiedere sulla senzazione di "io" ("I AM") fino a quando questo porti spontaneamente alla autorealizzazione (sintetizzando al massimo il concetto).

Ma non faccio alcun progresso, sento di essere bloccato.

A livello intellettuale ho compreso che non esiste un "io", ma ciò non si riflette nella mia vita quotidiana, la sensazione di un io che governa è sempre presente e non mi ha mai abbandonato nemmeno per un istante.

Grazie per l'aiuto che vorrete darmi.

User avatar
renny
Posts: 52
Joined: Fri Sep 06, 2013 11:15 am

Re: Guida in lingua italiana?

Postby renny » Thu Oct 23, 2014 1:02 pm

Ciao nippur72
accolgo volentieri la tua richiesta :)

La ricerca prevede ci sia un ricercatore ed una cosa cercata.
Il cercatore si "fa un'idea" di cosa/come deve essere questa cosa cercata (leggendo libri, frequentando seminari, ecc.).
Il cercatore (che si deve identificare con un IO) cerca di "fare" l'esperienza ... di esperire direttamente quell'idea che si è fatto di questa fantomatica "cosa" cercata.
Attorno al raggiungere questa esperienza poi ci si è costruiti tutta una serie di aspettative, di cosa accadrà dopo ..ecc.

Questa appena descritta è la normale circostanza vissuta da quasi tutti i "cercatori" (accadono improvvisamente esperienze dirette senza alcuna "preparazione" preventiva, ma sono abbastanza rare).

Quello che cerco di indicare implica che sia tu, in quanto consapevolezza, direttamente, ad esperire consapevolmente le varie modalità che stai vivendo ....

Quando dici "io" dove si trova ? Si riesce a localizzare ? ha una forma, un colore , è percepibile da uno o più sensi ?
Il pensiero "io" ha una residenza ? da dove nasce ? quando senti o credi che sia presente dove si trova ? Non ti rendi conto che per la maggior parte del tempo non esiste perchè non ci pensi, perchè non vi è posta l'attenzione ... diventa un pensiero "reale" solo quando ci si pensa.

Ti senti bloccato: sappi che quell'idea di "io" non raggiungerà mai la liberazione, non se ne potrà mai appropriare, non ne potrà mai fare esperienza .. perchè è illusoria, non esiste intrinsecamente, ma viene ricordata, inventata di momento in momento :)

Quando il cercatore cerca c'è una tensione di base, un attenzione che ci porta a limitare la percezione della consapevolezza.

Rilassati

Sii consapevole di tutto ciò che ti accade "dentro" e "fuori" senza aspettative, senza giudizi, senza attaccamenti, senza rifiutare nulla ... non c'è da aggiungere proprio nulla ... dis-identificarsi dal conosciuto ... :)

User avatar
nippur72
Posts: 7
Joined: Mon Oct 20, 2014 1:35 pm

Re: Guida in lingua italiana?

Postby nippur72 » Thu Oct 23, 2014 1:41 pm

che bello! ti sono immensamente grato per aver accettato di guidarmi!

Da parte mia prometto di impegnarmi e di arrivare fino in fondo. Voglio davvero liberarmi dell'illusione dell'io e questa mi pare sia la mia ultima occasione.

Mi rendo conto di nutrire grandi aspettative, so che questo è di intralcio, ma per l'occasione vedrò di fare un reset generale e di approcciare la questione con onestà e semplicità.

Ho letto un pò di roba sul forum, e sono familiare con molti concetti.

Possiamo iniziare quando vuoi, dimmi come intendi procedere e cosa devo fare.

Grazie per la tua disponibilità.

-Nino

User avatar
renny
Posts: 52
Joined: Fri Sep 06, 2013 11:15 am

Re: Guida in lingua italiana?

Postby renny » Thu Oct 23, 2014 2:18 pm

Da parte mia prometto di impegnarmi e di arrivare fino in fondo. Voglio davvero liberarmi dell'illusione dell'io e questa mi pare sia la mia ultima occasione.
L'impegno di chi ?
Non è MAI l'ultima occasione ... considerala un'ulteriore opportunità ;)
Mi rendo conto di nutrire grandi aspettative, so che questo è di intralcio, ma per l'occasione vedrò di fare un reset generale e di approcciare la questione con onestà e semplicità.
Resetta l'importanza .. prenditi una "vacanza" ...
Chi è che ha grandi aspettative ?
Ho letto un pò di roba sul forum, e sono familiare con molti concetti.
Si ha da passare dai concetti alla consapevolezza .. vuoi forse "capire" la libertà ?
Possiamo iniziare quando vuoi, dimmi come intendi procedere e cosa devo fare.
Rilassati
Sii consapevole di tutto ciò che ti accade "dentro" e "fuori" senza aspettative, senza giudizi, senza attaccamenti, senza rifiutare nulla ... non c'è da aggiungere proprio nulla ... dis-identificarsi dal conosciuto ... :)


e cimentati nel risponderti alle domande:
Quando dici "io" dove si trova ? Si riesce a localizzare ? ha una forma, un colore , è percepibile da uno o più sensi ?
Il pensiero "io" ha una residenza ? da dove nasce ? quando senti o credi che sia presente dove si trova ? Non ti rendi conto che per la maggior parte del tempo non esiste perchè non ci pensi, perchè non vi è posta l'attenzione ... diventa un pensiero "reale" solo quando ci si pensa.


Rifletti quando puoi/vuoi su questo:
Ti senti bloccato: sappi che quell'idea di "io" non raggiungerà mai la liberazione, non se ne potrà mai appropriare, non ne potrà mai fare esperienza .. perchè è illusoria, non esiste intrinsecamente, ma viene ricordata, inventata di momento in momento :) senti la differenza tra quando "ci pensi" e quando ti rilassi lasciandolo andare ... ;)

User avatar
nippur72
Posts: 7
Joined: Mon Oct 20, 2014 1:35 pm

Re: Guida in lingua italiana?

Postby nippur72 » Thu Oct 23, 2014 9:36 pm

ok, mi sono preso un po di tempo per pensare e ponderare le tue domande. Mi leggo il tuo post anche dal telefono così durante il corso della giornata posso maturare meglio le idee a poco a poco, senza dare risposte impulsive così, giusto per darle.
Rilassati
Sii consapevole di tutto ciò che ti accade "dentro" e "fuori" senza aspettative, senza giudizi, senza attaccamenti, senza rifiutare nulla ... non c'è da aggiungere proprio nulla ... dis-identificarsi dal conosciuto ... :)
non è proprio semplice, essere consapevole e allo stesso tempo rilassato mi è piuttosto difficile. Per me consapevolezza implica un certo livello di attenzione, mentre rilassamento è sinonimo di sonnolenza, disattenzione.
Quando dici "io" dove si trova ? Si riesce a localizzare ?
la mia esperienza attuale mi porta a localizzare una specie di "io" principalemente nella zona interna al torace. Non è l' "io" vero e proprio, ma è la sensazione che sorge se penso ad "io". Se penso intensamente certe volte la sensazione si estende anche alle braccia e alle mani.

Se invece penso ad "io" con gli occhi chiusi, la sensazione di "io" si localizza all'interno della testa nella zona compresa tra gli occhi ed il naso o la bocca. E' come se ci fosse una specie di centro di attenzione lì, oppure come un centro di comando. Una zona speciale in cui c'è il "me", una specie di casa. Ma solo se ci penso.
ha una forma, un colore , è percepibile da uno o più sensi ?
Assolutamente no, forma indefinita, è una specie di gas o una zona illuminata da un luce che non brilla, senza bordi precisi, ma nonostante ciò è lì. E' incolore e non è percepibile da nessuno dei sensi, tranne forse la sensazione tattile di quando questo "io" si localizza nel torace (certe volte anche il passaggio dell'aria durante la respirazione sembra far parte dell "io").
Il pensiero "io" ha una residenza ?
Nel senso di dove sta tutto il tempo? In effetti ora che ci penso non sta proprio da nessuna parte. Non ha un posto dove sta. Quando non è presente semplicemente non esiste. Non ho capito però se intendi la sensazione di "io" o il pensiero "io"... sono la stessa cosa? Per me sono leggermente diversi.
quando senti o credi che sia presente dove si trova ?
Il pensiero "io" (come pensiero) non riesco a localizzarlo da nessuna parte (mi verrebbe da dire "nella mente" ma non vuol dire niente), mentre la sensazione "io" come detto sopra la localizzo nel torace o nella testa.
Non ti rendi conto che per la maggior parte del tempo non esiste perchè non ci pensi, perchè non vi è posta l'attenzione ... diventa un pensiero "reale" solo quando ci si pensa.
Con il ragionamento logico direi proprio di si, in effetti la sensazione di "io" esiste solo se ci si pensa (e certe volte bisogna proprio sforzarsi per trovare questa sensazione come nella meditazione) però... mi viene anche da dire che l'io sembra essere li anche quando non ci si pensa. Come se fosse latente in background, in attesa di essere risvegliato. Questa però è più una specie di convinzione che non un'esperienza diretta. Diciamo così: mediante l'esperienza diretta, è chiaro che il pensiero "io" esiste solo quando ci penso (in maniera volontaria o per caso), ma resta un'idea di fondo che l'io sia presente sullo sfondo.
Ti senti bloccato: sappi che quell'idea di "io" non raggiungerà mai la liberazione, non se ne potrà mai appropriare, non ne potrà mai fare esperienza .. perchè è illusoria, non esiste intrinsecamente, ma viene ricordata, inventata di momento in momento :)[/i] senti la differenza tra quando "ci pensi" e quando ti rilassi lasciandolo andare ... ;)
questo mi è molto più difficile. Intanto è duro accettare che l'io non potrà raggiungere niente, sento molta resistenza, come se non mi volessi rassegnare a questa idea. Se mi rilasso e lascio andare (per quel poco che mi riesce), sento comunque un senso di perdita, come se l'io avesse un gran valore che va preservato. Mi viene da chiedermi inoltre "a che serve tutto ciò se non sarai tu (io) a beneficiarne" ?

Ciao, buonanotte.

User avatar
renny
Posts: 52
Joined: Fri Sep 06, 2013 11:15 am

Re: Guida in lingua italiana?

Postby renny » Fri Oct 24, 2014 1:28 pm

Domandati:
Che aspettative ho da questo processo ?
Sto cercando qualcosa ?
Penso dovrebbe esserci qualcosa di differente da ciò che è oggi ?
C'è qualcosa che mi aspetto di cambiare ?
Cosa voglio e cosa non voglio cambiare ?
non è proprio semplice, essere consapevole e allo stesso tempo rilassato mi è piuttosto difficile. Per me consapevolezza implica un certo livello di attenzione, mentre rilassamento è sinonimo di sonnolenza, disattenzione.
Sperimenta il fatto che attenzione è focalizzarsi su una zona, un territorio, un oggetto (percepito dai sensi) specifico e che questa attenzione tende ad escludere tutto il resto .. se stiamo rilassati senza focalizzare la nostra attenzione su nulla di specifico esperiamo una consapevolezza periferica che nulla esclude a priori ..
........
Sensazione di un'esistenza (vibrazioni del sistema sensoriale, emotivo e di pensiero) che avviene simultaneamente e pensare in termini di Io con l'identificazione con una forma (corporea), con la zona del torace, del centro della testa ..è la ricerca di punti di riferimento per dare/ricevere conferme ?

Dove avviene tutto ciò ?
Dove “avviene” il pensiero ?

Stando rilassati riusciamo ad appercepire ciò che è sullo sfondo, sempre presente .. che contiene tutta la manifestazione .. Pura Consapevolezza … Essere … nessun bisogno, nessun desiderio, nessun obiettivo da raggiungere
.. è duro accettare che l'io non potrà raggiungere niente, sento molta resistenza, come se non mi volessi rassegnare a questa idea. Se mi rilasso e lascio andare (per quel poco che mi riesce), sento comunque un senso di perdita, come se l'io avesse un gran valore che va preservato. Mi viene da chiedermi inoltre "a che serve tutto ciò se non sarai tu (io) a beneficiarne" ?
L'io pensiero è un fare,un facitore .. esiste solo nel movimento, quando ci sono desideri da soddisfare …. stai “facendo” questo processo per ottenere (in cambio) cosa ? A che “serve” tutta questa fatica, tutto questo “fare” se poi alla fine questa idea di “io” non potrà ottenere il suo premio, il suo trofeo, la sua carezza ?

Strano come a questa idea di un io (separato, identificato con una forma fisica provvisoria e mortale, sempre indaffarato a “fare” qualcosa) ci si aggrappi a tal punto da dire di volerlo preservare, di temere di perderlo … un aggregato di pensieri e memorie … eppure hai iniziato tu questo processo con la motivazione: “Cerco guida in lingua italiana che mi aiuti a liberarmi dall'illusione dell'io

;)

User avatar
nippur72
Posts: 7
Joined: Mon Oct 20, 2014 1:35 pm

Re: Guida in lingua italiana?

Postby nippur72 » Sat Oct 25, 2014 4:06 pm

scusa sarò impegnato fino a lunedì--risponderò al mio ritorno, ciao e grazie ancora per la tua disponibilità.

User avatar
nippur72
Posts: 7
Joined: Mon Oct 20, 2014 1:35 pm

Re: Guida in lingua italiana?

Postby nippur72 » Tue Oct 28, 2014 2:00 pm

ok, eccomi qua di nuovo...
Domandati:
Che aspettative ho da questo processo ?
Sto cercando qualcosa ?
Penso dovrebbe esserci qualcosa di differente da ciò che è oggi ?
C'è qualcosa che mi aspetto di cambiare ?
Cosa voglio e cosa non voglio cambiare ?
andando al cuore della questione: mi aspetto che questo processo possa portare alla eliminazione (o quantomeno alla dimunizione) della sofferenza (psicologica ed eventualmente fisica). Penso che se riuscirò ad eliminare l'idea di un "io", soffrirò di meno e anche la stessa morte dell'individuo non costituirà più un problema. Mi aspetto quindi che questo possa in qualche modo cambiare la mia vita. Ha senso?
Sperimenta il fatto che attenzione è focalizzarsi su una zona, un territorio, un oggetto (percepito dai sensi) specifico e che questa attenzione tende ad escludere tutto il resto .. se stiamo rilassati senza focalizzare la nostra attenzione su nulla di specifico esperiamo una consapevolezza periferica che nulla esclude a priori ..
si, questo mi è molto familiare, l'attenzione è come un faro che focalizza un particolare aspetto, uno ed uno soltanto alla volta. E' anche difficile tenere l'attenzione fissata su un punto in maniera volontaria, di solito subentra la distrazione che ti fa dimenticare pure che stavi rivolgendo l'attenzione su una cosa in particolare.

Mi è meno familiare invece il fatto di non focalizzare l'attenzione su nulla di specifico... non riesco a trovare questa "consapevolezza periferica che nulla esclude a priori" di cui parli. La mia esperienza è che quando non c'è attenzione non c'è niente, neanche il ricordo della non-attenzione.
Dove avviene tutto ciò ?
Dove “avviene” il pensiero ?
mi viene da dire che il pensiero è automatico... non ha una sede, riesco solo a percepire che il pensiero appare nella coscienza senza alcun preavviso. Anche se però i pensieri mi sembrano in qualche modo legati l'uno con l'altro.

Riguardo all' "io facitore", si è incredibile come questo io agisca per auto-preservarsi, la mia convinzione personale è che l'io sia un sotto-prodotto dell'evoluzione con l'unico scopo di migliorare la preservazione del corpo. Il problema è che questo causa una specie di trappola in cui finisce la mente, poichè questo io sembra così reale!

User avatar
renny
Posts: 52
Joined: Fri Sep 06, 2013 11:15 am

Re: Guida in lingua italiana?

Postby renny » Tue Oct 28, 2014 5:42 pm

Le domande che vengono poste sono per chi se le pone … alla guida non interessa tanto una risposta razionale ben raccontata … il rapporto è tra te e … te … tra l'io che credi di essere e il muto testimone … la pura consapevolezza .. che sono oltre la mente fatta di parole, di spiegazioni, ecc.

Sentile queste domande, ponitele … attendi (senza cercare, senza tensione) … intuizioni?
mi aspetto che questo processo possa portare alla eliminazione (o quantomeno alla diminuzione) della sofferenza (psicologica ed eventualmente fisica). Penso che se riuscirò ad eliminare l'idea di un "io", soffrirò di meno e anche la stessa morte dell'individuo non costituirà più un problema. Mi aspetto quindi che questo possa in qualche modo cambiare la mia vita. Ha senso?
Chi riuscirà a eliminare chi ? Non adesso ? Esiste solo l'adesso consapevolezza …
Eliminare ? Perché adesso c'è ? Chi è ? Cos'è ? Dov'è ?
Mi è meno familiare invece il fatto di non focalizzare l'attenzione su nulla di specifico... non riesco a trovare questa "consapevolezza periferica che nulla esclude a priori" di cui parli. La mia esperienza è che quando non c'è attenzione non c'è niente, neanche il ricordo della non-attenzione.
si possono “trovare” cose, oggetti, parole …
Riguardo all' "io facitore", si è incredibile come questo io agisca per auto-preservarsi, la mia convinzione personale è che l'io sia un sotto-prodotto dell'evoluzione con l'unico scopo di migliorare la preservazione del corpo. Il problema è che questo causa una specie di trappola in cui finisce la mente, poichè questo io sembra così reale!
spiegazione plausibile … ma accade qualcosa quando smetti di fare ?

User avatar
nippur72
Posts: 7
Joined: Mon Oct 20, 2014 1:35 pm

Re: Guida in lingua italiana?

Postby nippur72 » Thu Oct 30, 2014 1:10 pm

mi sto ponendo le domande... ma non giunge nessuna intuizione. Niente di niente. Anzi questa sensazione di "io" sembra essersi rinforzata, adesso più di prima mi sembra risiedere nel corpo da qualche parte.

User avatar
renny
Posts: 52
Joined: Fri Sep 06, 2013 11:15 am

Re: Guida in lingua italiana?

Postby renny » Thu Oct 30, 2014 3:08 pm

Nella comune modalità che siamo soliti usare per "conoscere" si cerca di "capire" per aumentare, approfondire la nostra conoscenza ... cerchiamo di usare la stessa modalità per conoscere la non esistenza dell'io, ma questo non ci porta da nessuna parte.
Io è solo una parola,un'idea che appiccichiamo ad un pensiero, ad una sensazione del corpo, ad una storia ... tutto questo (sensazioni corporee e dei sensi, emozioni, pensieri e visualizzazioni) sono i mattoncini che usiamo per costruire questa realtà inventata nella quale crediamo di essere immersi .. mentre tutto ciò accade e si manifesta in una consapevolezza senza tempo nè confini che è sullo sfondo e che comprende tutto... la fine dell'io è solo un passaggio di consapevolezza dall'attenzione che poniamo continuamete sugli effetti specali che percepiamo (sul mondo percepito e rappresentato dai sensi) alla disidentificazione da tutto ciò e restando sullo sfondo: solo consapevolezza.


Return to “Other Languages”

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest